Benvenuto sul sito del Tribunale di Matera

Tribunale di Matera - Ministero della Giustizia

Tribunale di Matera
Ti trovi in:

Conversione del pignoramento

COS'È

La conversione del pignoramento consente al debitore di sostituire ai beni pignorati una somma di denaro che comprende tutto quanto dovuto al creditore per capitale, interessi e spese, anche dell'esecuzione. L'istanza può essere presentata versando un sesto della somma oggetto di precetto e degli eventuali atti di intervento. La restante parte potrà essere dilazionata con provvedimento del Giudice dell’esecuzione in rate mensili entro il termine massimo di quarantotto mesi. L’istanza si può presentare in ogni momento prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione dei beni pignorati.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Art. 495 c.p.c.

CHI PUO'RICHIEDERLO

Il debitore o il comproprietario non esecutato o un loro delegato

DOVE SI RICHIEDE

Cancelleria esecuzioni immobiliari

Cancelleria esecuzioni mobiliari

II° Piano ammezzato

COSA OCCORRE

Per presentare l’istanza di conversione del pignoramento è necessaria la previa apertura di un conto corrente, intestato alla procedura esecutiva e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione, presso la filiale bancaria presente all’interno del Palazzo di Giustizia di Matera

Per l’apertura del libretto è necessario:

  • stampare il modulo in calce e compilarlo. Il numero identificativo della procedura (R.G.E.) e il nominativo del Giudice dell’esecuzione assegnatario del fascicolo possono essere rinvenuti nella documentazione già ricevuta oppure richiesti al custode giudiziario, ove già nominato, oppure reperiti presso la Cancelleria esecuzioni;
  • recarsi presso la cancelleria per ritirare il modello apertura conto corrente
  • recarsi presso la filiale bancaria presente all’interno del Palazzo di Giustizia di Matera, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle ore 12:30, portando con sé documento di identità e codice fiscale (della persona che si presenta allo sportello);   
  • depositare una somma di denaro pari ad almeno un sesto dell’ammontare oggetto dell’atto di precetto e degli eventuali atti di intervento.Il versamento deve avvenire mediante assegno circolare intestato alla procedura.

Per la successiva presentazione dell’istanza, è necessario:

  • se la richiesta viene depositata dal debitore o da un suo delegato, recarsi presso la Cancelleria esecuzioni e consegnare l’istanza compilata ed il conto aperto. L’eventuale delegato deve essere munito di delega sottoscritta dal debitore con allegata copia del documento di identità di quest’ultimo;
  • se la richiesta viene presentata dal difensore del debitore costituito, procedere dapprima al deposito telematico dell’istanza unitamente ad una scansione della ricevuta telematica del conto.
NOTA BENE

DOCUMENTI NECESSARI:

Eventuale delega sottoscritta dal debitore e corredata da copia del suo documento di identità, nel caso in cui l’istanza venga presentata presso la Cancelleria da parte di un delegato.

ASSISTENZA DI UN DIFENSORE

Non necessaria

TEMPI

È possibile presentare l’istanza di conversione del pignoramento solo prima che venga disposta la vendita o l’assegnazione dei beni pignorati e, dunque, in caso di espropriazione immobiliare, prima che sia pronunciata l’ordinanza con la quale il Giudice dell’esecuzione fissa la data della vendita o delega le operazioni di vendita.

Allegati
Torna a inizio pagina Collapse